acciaio e alluminio



sabato mattina sono uscito con un amico a fare un giro extraurbano su due ruote. chiaramente si trattava di un nuovo collaudo per la bicicletta in un percorso un pò più impegnativo di quelli che propone la città di Pisa; abbiamo fatto un giretto di una ventina di chilometri circa.
quello che voglio però raccontare è il prima e il dopo.
non avendo prestabilito il tragitto da fare scelgo di montare il rapporto più leggero che ho a disposizione, non si sa mai si intraprenda qualche salitella, il 42-20. la bici sembra rispondere bene e posso considerare il collaudo superato.
il guaio si scatena quando decido di rimontare il pignone da 20 per tornare al precedente 46-20. inizio a smontare il pignone con il metodo pettenella e nonostante senta una resistenza che mi pare anomala continuo e svitare. quando avevo sostanzialmente finito mi sono accorto di quello che potete ammirare nella foto: la filettatura in acciaio si è portata via quella in alluminio del mozzo.
potrei abbandonarmi a spiegazioni ma la rabbia è ancora troppa,magari un'altra volta.
il mio consiglio è quello di pensarci bene prima di utilizzare un pignone che ha dell'ossido sulla filettatura, anche solo un pochino, su un mozzo in alluminio se non volete ritrovarmi con mozzo così: sfilettato e inutilizzabile. l'ossido sarebbe dovuto andar via avvitando ma l'alluminio si è rivelato più morbido.

On Air: Smokestack Lightnin', Howlin' Wolf

8 commenti:

lord casco nero ha detto...

AAAAAAARGH!!!!!

questo è il peggior incubo... in effetti il metodo pettenella è grandemente sconsigliato, ma si sà: senza adeguata frusta poco si riesce a fare in casa, e sopratutto pettenellando riesci a serrare il pignone decisamente bene.

lo scotto è questo: ne ho visti, come ti dicevo altrove, molti altri andare a farsi benedire in tal modo, l'ultimo proprio quello del compagno di corse Ska...

io ho sempre cercato di fare abbastanza attenzione fino ad ora, però ho lo stesso rovinato un mozzo con un'altra insidia del genere: poca filettatura residua una volta stretto il pignone, e dài che ti ridài ho rovinato inesorabilmente quei pochi millimetri cercando di stringere la ghiera di fissaggio.

risultato: un mozzo che può essere utilizzato solo senza ghiera, quindi da pettenellare a morte,
quindi destinato ad un utilizzo blando se non nullo,
quindi sempre a rischio per l'abuso di tale metodo...

effettivamente l'idea di componenti pista per quando riguarda mozzo posteriore e pignone può non essere tanto peregrina...

joanfran ha detto...

per il momento ne acquisto uno economico, che poi trasferirò sulla graziella, ma dopo le vacanze ordino un flip flop. ho visto il prezzo dei novatec ma non riesco a trovare notizie su quelli miche. sai darmi qualche dritta? o magari indicare anche altre marche che li a milano si trovano facilmente?

Nephasto ha detto...

Rotafissare alla Pettenella funziona alla grande. Ma col mozzo in alluminio in effetti è da sconsigliarsi. L'acciaio del pignone se lo magna a colazione.
Peccato!

Mozzi pista Miche nei negozi milanesi ne trovi ormai dappertutto con un prezzo intorno ai 50€ (il posteriore). Ma non ne ho mai visti di flip-flop. Magari ci sono, ma non ci ho mai fatto caso.

Bike Positive ha mozzi flip-flop a prezzi più contenuti (25-35€) e li trovi anche sul sito de La Stazione delle Biciclette (sempre milano...) che mi sembra faccia anche vendita per corrispondenza.

Buone pedalate natalizie!

(Bella la fissa! ottimo lavoro e ottima foto!)

lord casco nero ha detto...

Mi accodo a quanto detto da Nephasto.

I bike Positive alla fine mi paiono quelli più economici tra quelli che si trovano in giro qui da noi(e sopratutto sono flip-flop).

altrimenti vai per forza su di prezzo anche rispetto ai novatec.

l'altra solzione potrebbe essere quella di trovare qualcosa di usato oppure mettersi con sacrosanta pazienza a cercare su siti esteri (dove ne trovi a bizzeffe e di tutti i tipi) qualche offerta. però bisogna metter in conto i costi di spedizione...

joanfran ha detto...

sono stato proprio uno sprovveduto ad accostare acciaio e alluminio,e pensare che questa roba la studio, ma non ci ho pensato per niente.
sono orientato per i novatec, sia per via della spaziatura e anche perché ho potuto constatare che sono abbastanza usati.

@nephasto
ti ringrazio comunque per i complimenti, troppo buono, e buone pedalate natalizie anche a te..

fabio ha detto...

io fossi in te buttarlo per buttarlo ci farei qualcosa....tipo che ne so.....filettatrice da idraulico e proverei a rifilettarlo...e poi studierei bene il discorso del pignone anteriore...sarebbe figo avere un doppio flip flop in modo da avere a disposizione 4 rapporti fissi...

Gennaro de Concilio ha detto...

anche io ripenserei alla filettatrice... dici che se tu avessi impiegato dello svitol prima della fase di montaggio (per pulire i filetti arrugginiti) il risultato sarebbe stato lo stesso ?
http:/noleggiobiciclette.blogspot.com

joanfran ha detto...

@gennaro
forse si o forse no, magari qualcosa tipo il grasso per motori marini..
ma dalla volta un pò di grasso lo metto sempre.