L'AMORE DEL CAPITANO



La manutenzione, come il mare, è un sentimento. 

Olia, ingrassa, stringi, avvita e svita... una serie di premure inutili che io lascio a voi... collezionisti/mezzeseghe!

I vostri mezzi hanno lo stesso fascino della abat-jour della nonna sul comodino Luigi XVI.

In fede
Il Capitano

DON'T TRY THIS AT HOME

Torna dopo qualche tempo la rubrica Lo Mammons dedicata alle mirabolanti gesta del nostro amichetto di Pisa Mezzogiorno. Di seguito il suo rapporto.

Ore 07.50, suona la sveglia subito mi alzo perché ancora devo finire di montare la bici per la Serchio. Scendo in giardino e incomincio gli ultimi ritocchi, guardo l'orologio sono già le 9.15 e mi fiondo in macchina, come prima cosa chiamo Gori per dirgli che non riesco ad arrivare per le 9.30 e che al mio arrivo avrò bisogno di un aiuto per montare ancora i freni. Arrivo in piazza a Nozzano e grazie a due ragazzi sistemo i freni. 

Ci siamo è il momento di partire tutti insieme fino a Ripafratta dove ci sarà il via. Dopo la foto di gruppo siamo pronti per partire consegnata la prima mappa la guardo con attenzione e subito capisco dove sono i checkpoints: l'unico mio vantaggio è proprio nel trovare subito i check!! Parto in mezzo al gruppo e ben presto mi ritrovo ultimo ma era prevedibile.. c’è da scaldare le gambe! Procedo con il mio passo senza strafare perché so che la gara è lunga.
Sotto il ponte di Pontasserchio trovo una pompa da bici in terra, la prendo e riparto. arrivo al primo check da Ivan (via del Paduletto) gli dico che avevo 2 persone dietro di me ma lui mi dice che al check ne devono arrivare di più, lì il primo stimolo a proseguire senza perdere tempo prezioso... Poco dopo trovo Michele un ragazzo di Pisa che ha rotto la catena due chiacchiere con lui, lo saluto e riparto, non passa molto e trovo altri due ragazzi, uno aveva forato e aveva la pompa che non funzionava così mi fermo, gli do la mia pompa e riparto certo che mi avrebbero ripresi e che quindi la pompa avrebbero potuto ridarmela più avanti... infatti sul drittone sterrato per arrivare al secondo check mi riprendono faccio per fermarmi ma ha riforato quindi gli riserve la pompa. Io riparto e loro cambiano la seconda camera d’aria. Arrivo al Ponte della Barra dove Simona e Gori mi consegnano una mappa con i 4 check da trovare e riparto... Mega drittoni che non finiscono più, un gran via vai di bici che sfrecciano in tutti i versi. Mi dirigo verso la Pioppeta di Gino il Gigante e incrocio un gruppo con Fisto che mi urla delle indicazioni più degli urli di incoraggiamento... Ritrovo lo stesso gruppo mentre mi sto dirigendo verso il muro della chiesa di San Lorenzo a Massaciuccoli anche in questo caso il Fisto mi da indicazioni sugli “ultimi” due check. Prima di arrivare alla chiesa sono in ultima posizione poco davanti a me ci sono due fiorentini.. Al check della chiesa prima di riscendere ci fermiamo a chiacchierare io ne approfitto per mangiare una caramella alla menta loro stanno decidendo di ritirarsi e gli do delle informazioni per raggiungere l’arrivo... Li saluto e riparto. Quei 4 check sono stati i momenti più belli dove incrociavo gente che non faceva altro che incoraggiarmi!!! Finalmente ritorno al check del ponte sulla Barra, prendo la terza mappa e Gori mi chiede: che si fa? Senza pensarci troppo gli dico: ormai?!?!!! guardo la mappa c’è da fare la salita del Cancellino per arrivare alla Madonnina, Filettole e poi Ripafratta. Riparto, arrivo all’inizio del sentiero e inizio a farmela a piedi. Ho una fame assurda ma non ho niente da mangiare lungo la salita mi recupera Gori ci diamo appuntamento alla Madonnina ma in quel momento di crisi gli comunico il papabile ritiro. Qui i primi dubbi di poter riuscire a finire il percorso. Arriviamo al presidio pugliese di Filettole riprendo la mappa per valutare se ritirarmi ma con Gori decidiamo di raggiungere capitan Fano a Ripafratta tanto anche per ritirarsi ci si deve passare. Da Fano mi faccio consegnare l'ultima mappa. Sono a circa 10 km dall'arrivo decido di stringere i denti e finire il percorso però chiedo di liberare i check, di andare all'arrivo e di far iniziare a mangiare. Bevo, mangio un gel, mi infilo nello zaino la borraccia di Fano (con la bomba n.d.r.) e una bomboletta per le forature di Gori (altra bomba sotto mentite spoglie n.d.r.)... E carichissimo mi dirigo verso ponte San Pietro. Il gel dopo poco inizia a fare effetto le gambe vanno e la testa c’è. Arrivo al ponte scatto una foto da inviare ai BC/BS, che mi caricano con un super messaggio vocale!!! Arrivo al guado l’idea era di farmi anche li una foto ma ero mèzzo (mètso bagnato n.d.r.) ed iniziava ad essere freschino decido di non perdere tempo per evitare di arrivare a buio tanto le prove del guado sono incofutabili! Arrivo finalmente a Nozzano so che manca poco per Castiglioncello ma quella via della stazione non finisce più. Finalmente arrivo davanti alla chiesa. Sono distrutto ma sono arrivato prima che facesse buio! Mi cambio e vado a mangiare la zuppa calda del Cuoco e bere della buona birra. 
Il momento più bello di tutte le Serchio è la festa finale.
Grazie all’incitamento dei BiciclettasBlues e di tutti i partecipanti sono riuscito a completare il percorso (!!!) e son già qui che penso al mezzo da preparare per la prossima Serchio!   


Riccardone, già Senatore a vita della Repubblica del Serchio, all'arrivo di Mammons pronunciò la frase: aoh c'hà coraggio 'sto pichello eh??!

CINQVE

video

Fantastici tutti e tutto, ma Mammone è il top. Quando pensi di aver visto tutto, ti arriva lui e ti scarica nel parcheggio la sua Graziella appena "sfornata" con ancora i freni da registrare e la catena inchiodata dalla ruggine. Li sentì qualcosa. Non la morte filande che si fa strada fra le viscere. È la compagnia, le risate, l'amicizia, la passione, l'ospitalità, la fratellanza, l'uguaglianza, l'appartenere ad un gruppo, la natura, l'amore per la bici... Lo spirito della Serchio !!! 

Ecco.. Francesco deve aver capito tutto in un istante e non è il solo ne siamo convinti, quindi un grazie di cuore a tutti quanti!!! Viva la Serchio viva la Repubblica e auguri di buon Natale.. crepi l'avarizia. Per racconti e impressioni visitate il FF, poi con la calma olimpica che ci contraddistingue usciranno le foto e una lista dei finischers.